Teatro del Tè

 

IL SOGNO DI UN UOMO RIDICOLO

 di Fëdor Dostoevskij

 

con Aurora Pacchi , Canto

Renato Romagnoli, Attore

con la collaborazione di VOCEPIANO

adattamento testo e regia Claudio Neri

 

costumi della FONDAZIONE CERRATELLI

Si ringrazia la Stazione Leopolda di Pisa per la collaborazione

Un enorme grazie, per l'operato musicale, a Antonella Gualandri e David Dainelli, che senza di loro non avremmo potuto relizzare questo nostro progetto.

Durata 90`

L’attore Renato Romagnoli recita Il sogno di un uomo ridicolo di Fedor Michajlovic Dostoevskji rendendo benissimo la drammaticità, il senso di vuoto inappagato e la sofferenza di un uomo che si addormenta nel momento in cui sta per uccidersi e che, proprio in quell’addormentarsi con la rivoltella in mano, sogna la sua vita nell’aldilà. Romagnoli interpreta in maniera toccante il sogno di un uomo che sa di essere ridicolo se paragonato agli altri, che si considera un uomo del sottosuolo e che vive un costante smarrimento che si esprimono in solitudine e sofferenza. Quest’uomo fa del suo racconto un narrare ricco di fatalità crudele e misteriosa ma reale, che viene molto ben resa anche dallo scandire musicale dei momenti salienti e molto carichi di pathos, come quello in cui si racconta, in un susseguirsi di parole che incantano e lasciano estasiati, come l’uomo ridicolo – o pazzo, come lo definiscono gli altri – sia l’unico detentore del segreto della bellezza interiore e della felicità dell’animo umano.

Unico momento in cui il pubblico teso si concede un sorriso è quello in cui si narra l’odio nei confronti del prossimo, affiancato al “ama te stesso come il prossimo tuo”che, però, non ha mai fatto presa su nessuno e che nessuna sembra conoscere. La ricchezza dell’uomo del sottosuolo risiede nel fatto che la sua pazzia è una pazzia lucida perché gli permette di capire che gli altri non potranno mai cogliere i suoi insegnamenti e che, quindi, non potranno mai raggiungere la bellezza interiore e la felicità dell’animo.

A contrapposizione narrativa la splendida voce di Aurora Pacchi che rischiara il viaggio visionario del sogno.

video

L'A.P.S. Teatro del Té  nasce ufficialmente nel 1994. In 24 anni di attività il TDT ha lavorato nel campo del teatro di ricerca e del teatro sociale con corsi e laboratori per la valorizzazione della memoria individuale e collettiva dei territori di Pisa e Provincia . E' stata direttore artistico de : La Sala del Tè di Pisa, Il Teatro Niccolini di Castellina Marittima , Il Teatro Comunale di Casale Marittimo , con Claudio Neri è stato direttore artistico  del Teatro Verdi di San Vincenzo . Il TDT  è stato direttore artistico del Teatro Comunale di Fauglia ed è stato membro della commissione teatrale per la gestione del Teatro Rossini di San Giuliano Terme.  Dal 2000 è direttore artistico e organizzativo del Festival Antroporti , in una rete territoriale e tematica in numerose città della Provincia di Pisa , il festival ha ospitato circa 600 compagnie di spettacolo e ha prodotto 23 spettacoli solo per questo evento. Dal 2016  il TDT  produce cinema indipendente e film documentari.