Castellina Marittima 

Cineteca Popolare della Memoria

e della creatività

DA LETTERA A ULISSE DI OVIDIO E  DALL'ODISSEA DI OMERO

Con  Giovanna Latartarta - Penelope  ,  Manuel Mannino - Ulisse  ,   Franco Gigliotti - Laerte  

  Giulia Panicucci- Atena ,  Riccardo Cipriani - Omero ,  Stefano Giari - Antinoo ,   Coro Greco :  Fedra Conti   Chiara Cavallini Asya Bertini  

Regia e adattamento sceneggiatura - Claudio Neri    ,   Operatore di macchina - Paolo del Genovese  ,   Operatore riprese Drone - Francesco Bolognesi  ,  Tecnico Suono - Massimo Cappellini ,   MUSICHE - BERKANA,

 UNA PRODUZIONE CASTELLINAFILM -Teatro del Tè MMXX


«Nelle inquadrature che facciamo tutte le cose che le compongono hanno gli stessi diritti, questa è la democrazia. È la stessa cosa che io dico all'inizio di ogni dibattito col pubblico: per noi tutte le domande fatte dagli spettatori meritano la stessa attenzione. Se tu vai al cinema per vedere un film devi essere costretto ad accordare la stessa attenzione a una lucertola, una mosca, l'aria che cambia, una macchia di luce o di colore che si posa su un attore, che non è mai interessante per se stesso, perché l'attore non è il centro dell'universo, è solo una piccola parte dell'inquadratura: per noi ogni centimetro quadrato del fotogramma ha la stessa importanza, non può essere che il naso dell'attore abbia un'importanza maggiore. L'uomo non è mai stato al centro dell'universo, ha cominciato a credere di esserlo nel Rinascimento, e a quel punto ha cominciato a saccheggiare il nostro pianeta. Il lavoro dell'artista consiste nel materializzare delle sensazioni, più esse sono materializzate in maniera forte, precisa, più quell'artista fa bene il proprio lavoro. In questo modo di procedere la tecnica non ha nessuna importanza, è solo un mezzo. In certi film per il 90% non si vede nulla sullo schermo, vuol dire che quelli che hanno fatto quei film non vedevano nulla e dunque sullo schermo non potevano lasciare nulla. Essi filmano prima di vedere. E poi delegano tutto alla tecnica pensando che essa possa fare il lavoro per loro». 

Straub - Huillet

Le quattro stagioni 

Progetto Le 4 stagioni di Castellina Marittima  girato tra il 2017 / 2018 . Il progetto filmico "le quattro stagioni" si focalizza su come la vita comune, l'esperienza umana, le persone e la natura nel susseguirsi delle stagioni, possano diventare una narrazione resa attraverso una visione poetica e immaginaria delle persone e del paesaggio, dove l'arte della scrittura e le arti cinematografiche sono poste al centro del linguaggio artistico e socio-culturale

 Film INVERNO girato tra il 2017 / 2018 .    

 Film PRIMAVERA girato nel 2018. 

Film ESTATE girato nel 2018.  

Film AUTUNNO girato nel 2018.


 GLI EPISTOLARI 2019 , ( Audio registrazione)  sono lettere create e interpretate dagli allievi di scrittura creativa condotta da Alessandro Scarpellini. Tali lettere saranno dei veri e propri carteggi con risposte dal vivo con personaggi immaginari o della memoria degli allievi e da loro stessi saranno interpretati in un lavoro di scambio con il pubblico. Regia di Claudio Neri.

CREATIVI a sostegno di Castellina M Ma per la battaglia a COVID-19 2020 , RE-MIXING VIDEO E CON REGISTRAZIONI SPEDITE VIA INTERNET NEL PRIMO LOCKDOWN 2020.